By Jon Shave (Flickr: Autumn in Renon) [CC BY 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Wikimedia Commons
Data di pubblicazione: 19 ottobre 2016

Per la varietà dei percorsi escursionistici che offre, che vanno da scalate impegnative a passeggiate tranquille lungo sentieri naturali, il Renon è da sempre meta ideale per camminatori di ogni pasta; e Soprabolzano, comodamente raggiungibile con la funivia, rappresenta un perfetto punto di partenza per andare alla scoperta dell’altopiano.

Tra gli oltre 350 km di vie praticabili, l’escursione autunnale per eccellenza è senza dubbio quella lungo il Sentiero del Castagno.

Detto “Keschtnweg” (dal dialetto altoatesino Keschte per castagna), è uno dei sentieri più famosi dell’Alto Adige, costituito da una lunga area di castagneto che ricopre i pendii e percorrendo la Val d’Isarco porta sul Renon, sull’Alpe di Siusi, dalla Val Gardena fino al Lago di Caldaro, attraversando boschi che d’autunno trasformano le montagne in una tavolozza di colori cangianti.

Durante la nostra vacanza a Soprabolzano il gruppo percorrerà un tratto del Sentiero del Castagno in compagnia di un ospite speciale: sarà con noi Franz Wenter, ambasciatore del gusto, che ci guiderà alla scoperta delle specialità e della tradizione enogastronomica della zona. La gita permette infatti di abbinare alla camminata anche leccornie di prima qualità, e il periodo migliore è quello del Törggelen, durante il quale, nei masi lungo i sentieri, si ha la possibilità di assaggiare vino, mosto e altre prelibatezze fatte in casa.

Per darci in anteprima un assaggio dell’autunno sul Renon, lo chef dell'Hotel Post Victoria, che ci ospiterà durante la vacanza, ci regala una delle sue ricette più amate, tipica della cucina altoatesina e con la castagna come ingrediente principe.

RISOTTO DI CASTAGNE  

Ingredienti

● 300 g di riso 
● 300 g di castagne pelate
● 30-50 g di burro 
● 50-75 ml di cognac secco 
● 1 cipolla 
● sale e pepe 
● brodo di vitello
● maggiorana 

Preparazione

Cominciate preparando un brodo di vitello leggero, che servirà per la cottura del riso.
Dopodichè, in una casseruola, soffriggete burro e cipolla tritata e lasciate imbiondire mescolando continuamente;
aggiungete il riso e fatelo tostare facendo assorbire bene il burro;
bagnate con il cognac e lasciate asciugare;
aggiungete le castagne pelate fresche, tritate grossolanamente;
portate a cottura il riso aggiungendo mano a mano il brodo, aspettando che si assorba prima di aggiungerne ancora.
Salate e pepate.

Mantenete il riso al dente e servite il risotto caldo, guarnito con foglioline di maggiorana. 

Ho già l'acquolina in bocca!

Serena