luci-natale
Data di pubblicazione: 23 novembre 2016

In Alto Adige il periodo natalizio comincia ufficialmente il 5 dicembre, non si pensi però ad un inizio romantico fatto di lucine, melodie e profumi speziati: anche in Sudtirolo, come in altre zone alpine, nella notte tra il 5 e il 6 dicembre si festeggia la venuta di San Nicolò, antico vescovo cristiano alla cui figura è ispirata la leggenda di Santa Klaus

KrampusTradizione vuole che San Nicolò si aggiri per le strade di borghi e villaggi portando dolciumi e regali ai bambini buoni e carbone ai monelli.
In questa processione il santo è accompagnato da due angeli e dai temibili, attesissimi Krampus: creature grottesche, dalle fattezze diaboliche, che rincorrono e  “maltrattano” con mille dispetti chiunque gli capiti a tiro.

L'origine di questa usanza si perde nella notte dei tempi: narra la leggenda che tanto tempo fa, nei periodi di carestia, i giovani dei paesi di montagna si travestissero con pellicce, pelli, piume e corna per andare, irriconoscibili, a rubare le provviste nei villaggi vicini; tra loro però si era intrufolato il diavolo in persona, distinguibile dagli altri solo per le zampe caprine.
Venne quindi chiamato il vescovo Nicolò per scacciare il demonio e, una volta sconfitto, tutti i giovani, ancora travestiti, lo accompagnarono in un corteo festoso.

Al folklore rurale si accompagna la “tradizione moderna” dei mercatini di Natale, che ogni anno accendono l’atmosfera con decorazioni, lucine, profumi deliziosi, e spesso anche un ricco calendario di manifestazioni culturali. Accanto a quelli più conosciuti, situati nelle maggiori località turistiche (Bolzano, Vipiteno, Merano, Bressanone etc.), ve ne sono innumerevoli di piccole dimensioni, che restituiscono vividamente la magia del Natale di montagna. 
Tra questi merita una visita l'originalissimo mercatino del Renon, che prende il nome di Trenatale, poiché è allestito all’interno di alcuni vagoni dello storico trenino utilizzato per collegare Soprabolzano e Collalbo.

lemon-slices-232210_1280Che riempiano grandi piazze, stradine di paese o trenini a scartamento ridotto, quel che è certo è che i mercatini rappresentano un appuntamento da non perdere e sapranno conquistare subito chi ha un debole per l’incanto del Natale, chi è già in cerca di regali, ma anche chi ha semplicemente voglia di passare del tempo in compagnia, assaporando una fetta di Zelten (torta tipica a base di frutta secca) con un bicchiere caldo di Vin Brulè.

Serena